Le vuoi due o tre letture interessanti per questo fine settimana di Pasqua (ah già, auguri)? Te le butto qui di seguito, secondo me vale la pena dargli un’occhiata.

  • The ultimate guide on online anonymity and safety: articolo in inglese, rivela qualche trucco e una serie di buoni consigli da tenere a mente quando si valuta di aver assoluta necessità di riservatezza non solo nella navigazione quotidiana, ma anche in quella serie di servizi che si utilizzano quotidianamente e ai quali forse si presta poca attenzione.
  • Regex tutorial — A quick cheatsheet by examples: articolo in inglese, adatto per chi ancora deve imparare a utilizzare al meglio le query RegEx (me compreso) e sfruttarle al massimo delle potenzialità per cercare qualsiasi tipo di testo all’interno di un cumulo di stringhe magari più complesse, lavoro spesso fondamentale quando si realizzano script o quando si opera con Notepad++ (come già successo in passato).
  • How to See Who’s On Your Wi-Fi: articolo in inglese, ti racconta che applicazioni e che metodi utilizzare per sapere se sulla tua rete WiFi (ma vale anche con quella cablata, sia chiaro) c’è qualche apparato sconosciuto e non di tuo possesso, così che tu possa prendere provvedimenti in merito.

Se per qualsivoglia motivo non riesci a leggere gli articoli su Medium puoi comunque farlo passando dagli screenshot catturati (dalla galleria puoi scaricare i file originali e consultarli a grandezza naturale):

E ora goditi un po’ di meritato riposo 😉👍

Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Uno di quegli articoli “bibbia” per il quale potrei andare avanti a scrivere per ore, ma che mi rendo conto di non poter stendere per evitare di stendere il lettore (sembra una frase scritta da Fedez, ti chiedo scusa, non lo faccio più). Te lo avevo anticipato facendolo trasparire nell’articolo di partenza dedicato a Raspberry Pi (Raspberry Pi: la base di partenza), ora è arrivato il momento di parlarne e di capire come tu puoi creare un server DNS casalingo in grado di proteggerti da siti web pericolosi (prima di tutto) e dalla pubblicità invasiva, con particolare attenzione al filtro che puoi ulteriormente applicare per la protezione della navigazione dei minori.

Pi-hole: installazione e prima configurazione

Pi-hole

Un gran bel progetto che richiede da parte tua il minimo sforzo (dipende molto da quello che cerchi e da quanto in “profondità” vuoi andare per sfruttarne le potenzialità), open source e di libero accesso, sostenuto dalle donazioni volontarie degli utilizzatori (che ti invito a valutare). Pi-hole si definisce come “A black hole for Internet advertisements“, un buco nero per tutta la pubblicità invasiva di Internet, un concetto certamente ben identificativo del progetto, ma che a mio parere risulta un po’ restrittivo rispetto a quello che un prodotto simile può davvero fare per l’utilizzatore finale.

Secondo una definizione certamente più tecnica disponibile sulla Wiki di archlinux, Pi-hole è un:

DNS sinkhole che redige una lista di blocco di domini conosciuti per offrire pubblicità e malware da sorgenti multiple di terze parti. Pi-hole, attraverso l’uso di dnsmasq, elimina semplicemente tutte le richieste di domini nella sua lista di blocco. Questa configurazione implementa efficacemente il blocco della pubblicità a livello di rete senza dover configurare ogni singolo client. Il pacchetto offre una interfaccia web e una a riga di comando.

Se sei abituato a utilizzare Adblock Plus o un qualsivoglia prodotto che svolge lo stesso compito sul tuo browser preferito hai certamente chiaro il concetto alla base: evito alla sorgente che le risorse vengano caricate in un solo colpo e per tutti i dispositivi connessi alla rete, perché Pi-hole mi permette di intercettarle e redirigerle in maniera differente rispetto ai DNS pubblici, ovvero troncando la comunicazione con quei domini che vengono utilizzati per veicolare pubblicità invasiva (e non solo). Il grande vantaggio del prodotto sta certamente nella centralizzazione delle tue operazioni e nella possibilità di scaricare un po’ di lavoro dalle spalle del browser che potrà così rinunciare a un componente aggiuntivo spesso esoso di risorse (dipende da quello che stai utilizzando, nda).

Installazione

Tutto chiaro? D’accordo. A questo punto passiamo al succo vero dell’articolo, installiamo Pi-hole sul tuo RPi (la soluzione certamente più comoda) o su un NAS ammesso che questo ti permetta di far girare Docker, o ancora su una macchina Linux che utilizzi già per fare altro all’interno della tua rete, trovi la lista di compatibilità del prodotto all’indirizzo docs.pi-hole.net/main/prerequesites/#supported-operating-systems.

Io baso il mio articolo su Raspberry Pi (RPi), ho creato una macchina virtuale sul mio Mac con Raspbian a bordo appositamente per catturare qualche screenshot per questo articolo (l’installazione di produzione l’ho fatta ormai circa un mese fa e ho semplicemente dimenticato di crearmi delle prove fotografiche 😅). Cominciamo.

Collegati in SSH al tuo RPi e lancia la stringa di installazione curl -sSL https://install.pi-hole.net | bash esattamente come riportato in home page del sito web di Pi-hole. Dopo un rapido check di sistema (serve capire se hai già tutto a bordo o se sarà necessario installare qualcosa) ti troverai davanti alle schermate di configurazione di Pi-hole:

Ti riporto qui la lista dei passaggi inseriti nella galleria di immagini sopra disponibile, integrando il tutto con ciò che nella galleria non c’è:

  • L’installazione comincia. Premi invio per continuare.
  • Arriverai alla schermata informativa riguardante l’IP da assegnare alla tua installazione Pi-hole: fai in modo che questo sia sempre lo stesso (statico o tramite reservation sul DHCP).
  • Comunica a Pi-Hole che DNS pubblici utilizzare per la risoluzione dei nomi a dominio (nel mio caso ho scelto Google, 8.8.8.8 e 8.8.4.4).
  • Specifica ora che liste di blocco vuoi cominciare a utilizzare. La barra spaziatrice serve per selezionare o deselezionare una voce. Spostati con le freccette nella schermata. Quando terminato, premi invio per confermare. Non preoccuparti di questa scelta, sarà sempre modificabile in un secondo momento.
  • Seleziona entrambi i protocolli di comunicazione (IPv4 e IPv6).
  • Conferma l’indirizzo IP della macchina (RPi) e del tuo router quando richiesto.
  • Quando richiesto, conferma di voler installare l’interfaccia web amministrativa. Servirà un’ulteriore conferma successiva alla richiesta di installazione di lighttpd. Lascia che le richieste (query) vengano loggate (0 – Show everything).
  • A questo punto ti basterà attendere che l’installazione proceda autonomamente fino al termine. Ti verrà mostrata una pagina riepilogativa contenente – tra le altre cose – la password di amministrazione del tuo nuovo Pi-hole.

Puoi ora collegarti alla console di Pi-hole utilizzando l’indirizzo che ti è stato riportato nella schermata riepilogativa, esempio http://192.168.1.10/admin. Salvo errori, ti troverai davanti alla console del software, dovrai quindi fare clic sulla voce Login (nella colonna di sinistra) e inserire la password che ti è stata precedentemente fornita, solo così potrai accedere alla gestione completa del tuo nuovo giocattolo.

Pi-hole: installazione e prima configurazione 11

Utilizzo

Ci siamo, fino a qui sei stato capace di installare Pi-hole sul tuo RPi, non ti resta che utilizzarlo e metterlo in pista per tutti i client della tua rete, prima però credo sia necessario un po’ di tuning e personalizzazione.

Cosa c’è da sapere? Beh, di certo fossi in te darei un’occhiata alle Impostazioni (Settings), all’interno delle quali troverai le informazioni sull’installazione (con possibilità di lanciare alcuni comandi rapidi, come il riavvio o lo spegnimento di sistema, o il blocco dell’attività di logging), le blacklist sottoscritte, i DNS pubblici utilizzati per la risoluzione dei nomi a dominio. Pi-hole può inoltre fare da server DHCP se lo preferisci, sostituendo così una delle funzioni che un router svolge in maniera predefinita. Seppur correttamente funzionante, preferisco che questo compito continui a svolgerlo il mio Fritz!Box e che lui faccia passare le richieste DNS dal mio RPi (così da sottostare al comando di Pi-hole).

Per concludere, troverai una schermata dedicata alla modifica della console e alle API che puoi utilizzare per integrare un differente softwae con Pi-hole, ma anche la sezione Privacy (per il livello / profondità di log da utilizzare) e il Teleporter, ovvero il modulo di Pi-hole che ti permette di esportare la tua configurazione e importarla su una differente installazione (che è grosso modo ciò che fai per portare a termine le operazioni di backup e restore di qualsivoglia tuo dato).

Cosa ho modificato?

Tralasciando le blacklist delle quali ti parlo tra poco, ho certamente ritoccato la parte relativa ai DNS, obbligando Pi-hole a interrogare Google utilizzando DNSSEC (ti ho parlato di questa tecnologia in un articolo relativo a Firefox: Firefox: DNS over HTTPS (di Cloudflare, ma non solo)):

Pi-hole: installazione e prima configurazione 1

In seguito ho ritoccato la parte relativa alla console, chiedendole di non mostrarmi alcuni domini bloccati nella totalità dei casi (indirizzi utilizzati per le pubblicità invasive delle applicazioni Android, quei banner che ti portano spesso ad abbonamenti mai richiesti, nda), ma questo è certamente un comportamento che farà comodo anche a te quando inizierai ad avere dello storico di navigazione tramite Pi-hole.

Le blocklist

È così che le chiama Pi-hole (SettingsBlocklists). Si tratta di blacklist composte da domini dei quali puoi quasi certamente fare a meno, sono quelli che generalmente propongono banner pubblicitari invasivi ma anche pericolosi script che possono danneggiare il tuo browser (Malware Domains). Dopo aver fatto piazza pulita di alcune liste che ho inizialmente utilizzato e studiato, sono arrivato ad avere una situazione della quale sono molto soddisfatto, che “limito” in qualche maniera grazie all’utilizzo della Whitelist di Pi-hole (e di questo ne parliamo presto perché c’è una novità in pentola, promesso).

L’attuale mia situazione vede in uso queste liste:

URL listaScopo
https://raw.githubusercontent.com/lightswitch05/hosts/master/ads-and-tracking.txtUna ricca lista in grado di bloccare domini che tracciano le attività di navigazione quotidiane, valida anche per tutto ciò che riguarda le applicazioni che caricano banner su Android e iOS. Un conto sono le pubblicità (che possiamo anche sopportare), un altro sono quei contenuti che portano ad abbonamenti non graditi e mai richiesti consapevolmente.
https://www.squidblacklist.org/downloads/dg-ads.aclStesso scopo della lista poco sopra, questa viene costantemente aggiornata da squidblacklist.org (non conosci Squid? Dai un'occhiata qui).
https://raw.githubusercontent.com/StevenBlack/hosts/master/hostsSteven Black raggruppa diverse Block List (Awdware, Malware, Fraud, Scam, Spam, Tracking e Cryptomining) cercando di eliminare tutti i falsi positivi e tenendo il suo lavoro costantemente aggiornato. Se dai un'occhiata al suo spazio GitHub troverai liste per filtrare anche altri tipi di siti web.
https://raw.githubusercontent.com/hoshsadiq/adblock-nocoin-list/master/hosts.txtSulla falsa riga di quanto faccio già con la NoCoin per Adblock Plus, questa lista è già pronta (e costantemente aggiornata) per essere digerita da Pi-Hole, permette di bloccare tutti i siti web che utilizzano script di mining che mettono in difficoltà le risorse del tuo PC.
https://mirror1.malwaredomains.com/files/justdomainsCome per la NoCoin di cui ti parlavo giusto qui sopra, anche la Harmful WebSites trova una sua versione di tipo host da poter dare in pasto a Pi-Hole. Blocca quindi i domini che sono veicolo di malware. Curata da malwaredomains.com.
https://www.squidblacklist.org/downloads/dg-malicious.aclBlocca i domini che sono veicolo di malware. Curata da squidblacklist.org.
https://zeustracker.abuse.ch/blocklist.php?download=domainblocklistLista di domini potenzialmente dannosi, che possono essere bloccati in tranquillità, nasce da un progetto molto ambizioso che fornisce diversi dati in merito ai tanti abusi presenti sulla rete. Curata da abuse.ch.
http://theantisocialengineer.com/AntiSocial_Blacklist_Community_V1.txtBlocca tutti quei domini che tentano di truffare il visitatore facendogli credere di essere in tutto e per tutto su siti reali, istituzionali, di una certa rilevanza, come per esempio quelli delle banche, di Microsoft, Google, ecc.
https://phishing.army/download/phishing_army_blocklist_extended.txtUna creatura di Andrea 'Drego' Draghetti data alla luce relativamente poco tempo fa. Il sito web ufficiale lo trovi all'indirizzo phishing.army, la lista viene aggiornata spesso e sempre verificata per evitare quanto più possibile errori e falsi positivi. Ti protegge da siti web che tentano di frodarti durante la navigazione. Ti consiglio personalmente la versione estesa, contenente anche i sottodomini.

(Se vuoi copiare e incollare facilmente tutti gli URL, fai riferimento a questa pagina: github.com/gioxx/ph-whitelist/blob/master/domains/blocklists.md).

Pi-hole: installazione e prima configurazione 12

Si va così a creare un recinto di protezione più per i siti web potenzialmente pericolosi che per la pubblicità in sé. Per quel mestiere sai bene che allo stato attuale continuo a utilizzare Adblock Plus e i moduli X Files, in un futuro chissà, potrei virare verso qualcosa “Pi-hole oriented“.

Liste predefinite e altri progetti

Se ti interessa verificare o recuperare in qualche maniera le liste proposte di default in fase di installazione di Pi-hole, trovi qui un riferimento ufficiale su GitHub: github.com/pi-hole/pi-hole/wiki/Customising-sources-for-ad-lists.

Noterai che oltre queste, su Internet esistono una quantità non meglio definita di progetti che vogliono in qualche maniera alimentare il già ricchissimo database di domini dai quali stare bene alla larga. Io cerco sempre di dare un’occhiata a liste e curatori per capire quante e quali di loro si può meglio occupare dell’aggiornamento delle regole del mio Pi-hole, per evitare spiacevoli inconvenienti durante la quotidiana navigazione dei client di casa e dei dispositivi accesi e connessi h24. C’è a tal proposito un progetto molto corposo al quale ho dato un’occhiata ma che allo stato attuale ho abbandonato a causa di liste non ben controllate: blocklist.site/app, una vera e propria vetrina che mette a disposizione liste per ogni necessità. Magari tu ne conosci altri che vuoi condividere (mi farebbe piacere), l’area commenti è a tua disposizione.

Aggiornamenti giornalieri

Alcune liste che ti ho suggerito nella tabella qui sopra vengono aggiornate quotidianamente. Per questo motivo ho personalmente deciso di modificare il comportamento di Pi-Hole chiedendogli di fare un aggiornamento completo delle sottoscrizioni ogni 24h. Il comportamento predefinito del software indica che questa azione viene compiuta una volta ogni settimana (vedi: discourse.pi-hole.net/t/updating-blocklist-every-day/16853).

Lo puoi vedere tu stesso da Terminale: more /etc/cron.d/pihole. Una riga simile a questa dovrebbe indicarti quando viene eseguito l’aggiornamento del modulo Gravity:

7 3 * * 7 root PATH="$PATH:/usr/local/bin/" pihole updateGravity >/var/log/pihole_updateGravity.log || cat /var/log/pihole_updateGravity.log

Se non sai interpretare la prima parte della stringa non preoccuparti, si tratta di una sequenza che riporta minuto-ora-arco del mese-mesi-giorno leggibile da Crontab. Vuoi capire meglio per cosa sta? Eccoti servito: crontab.guru/#7_3_*_*_7. Per eseguire un aggiornamento quotidiano ho modificato il file tramite comando sudo nano /etc/cron.d/pihole, commentando la riga sopra riportata (basta inserire il simbolo del cancelletto # a inizio riga) e riportando subito sotto questo:

7 3 * * 0-6 root PATH="$PATH:/usr/local/bin/" pihole updateGravity >/var/log/pihole_updateGravity.log || cat /var/log/pihole_updateGravity.log

Noti nulla di diverso? Esatto. L’ultima parte indica al Crontab di eseguire il lavoro dal giorno 0 al giorno 6, ovvero dalla domenica al sabato (crontab.guru/#7_3_*_*_0-6).

Salva la modifica con la combinazione CTRL + X da tastiera, seguita da S per indicare sì quando Nano chiederà se scrivere le modifiche sul file.

In conclusione

Difficile concludere quando in realtà c’è altro da dire, ma l’articolo è davvero diventato troppo lungo e pesante. Nella “prossima puntata” ti parlerò di Whitelist e della possibilità di automatizzare l’aggiornamento di quest’ultima anche se nativamente non previsto. La novità esiste già e sono certo che ti piacerà (se l’argomento Pi-hole ti ha interessato, chiaramente), dovrai solo pazientare una manciata di giorni ancora.

In generale c’è ancora molto da approfondire riguardo l’argomento RPi 🙂

Nel frattempo se hai qualsiasi dubbio o domanda in merito a quanto scritto, l’area commenti è a tua totale disposizione (anche senza registrazione a Disqus). Spero di aver stuzzicato la tua curiosità e che tu possa suggerirmi ulteriori fonti da consultare in merito al progetto.


Crediti:
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Lascia che te ne parli chi il telefono non lo riceve da Xiaomi ma lo compra direttamente su Amazon al Day-1 (che si fa molto prima), con tutta l’intenzione di utilizzare questo regalo di non compleanno per andare a sostituire un ormai acciaccato seppur glorioso e mai troppo apprezzato Samsung Galaxy S8, che personalmente ringrazio per quanto dato in questi anni. Xiaomi Mi 9 è lo smartphone che ho dallo scorso 1 marzo, un top di gamma per l’azienda cinese, un ottimo terminale che mostra talvolta un fianco che si può certamente giustificare per il prezzo di listino, un po’ meno per il segmento di mercato che va a occupare.

Xiaomi Mi 9: è davvero la terra promessa? 1

Xiaomi Mi 9

Non è la prima volta che porto uno Xiaomi in famiglia, anzi, a dirla tutta io sono l’ultimo componente che ancora non aveva scelto uno dei loro prodotti come terminale principale da tenere in tasca (giro sempre con due smartphone, ho un iPhone aziendale per tenere separate le due vite), la decisione è stata presa sicuramente sulla base delle caratteristiche tecniche dichiarate, mescolate a un pizzico di avventatezza e tranquillità mentale concessa da Amazon (che permette la restituzione semplice dell’acquisto nel primo mese di vita). Prezzo del carrello: 448,96€.

Un ottimo processore, tanta RAM (ne avevo bisogno, capirai il perché tra qualche riga) e una memoria libera a disposizione che va a ricalcare fedelmente quella del mio vecchio S8, non ho necessità alcuna dei 128 GB di spazio, ho molti dati in cloud (fotografie) e ascolto musica direttamente da Spotify, diciamo che riesco a rimanere sotto il tetto dei 40 GB occupati.

Costruzione

Il cuore che batte sotto la scocca di Mi 9 è Qualcomm, per la precisione si tratta dello Snapdragon 855: un octa-core che spinge fino a 2,84 GHz con GPU Adreno 640, 6GB LPDDR4x di RAM a 2133MHz in dual-channel, 64 i GB (della mia configurazione, come già scritto poco fa) di spazio disponibile a tua disposizione (esiste il modello da 128GB, entrambi montano memorie flash UFS2.1).

Il display è davvero molto bello, viene prodotto da Samsung e si tratta di un AMOLED Full Screen da 6.39″ con risoluzione 2340×1080 FHD+ e 403 PPI, una misura importante che in mano fa certamente la differenza rispetto al mio passato, che mi fa un po’ tornare alla memoria quei terminali di Sony che occupavano davvero del gran spazio (anche in tasca). La luminosità è giusta, anche contro luce diretta del sole, ho solo notato che in alcuni casi il sensore adattivo può fare confusione e cambiare le carte in tavola in maniera non sempre precisa, qualche sbavatura qua e là da controllare manualmente tramite il menu a tendina di Android. Sempre nel display segnalo il notch a goccia che non dà fastidio alcuno all’estetica complessiva dello smartphone, io arrivo da un terminale senza notch e ti assicuro che per Mi 9 è come non fosse lì.

Il lettore di impronte è posto sotto al vetro, luce verde pulsata come quella che ci si ritrova degli smart band per la misurazione del battito cardiaco. Nonostante le promesse fatte il lettore è lento, spesso impreciso, nulla che abbia a che fare con il lettore di impronte fisico al quale ero abituato e che tutto sommato non mi sarebbe dispiaciuto ritrovare pure su Mi 9 (a meno di proporre qualcosa di effettivamente più veloce, almeno tanto quanto quello classico). Sono molto deluso da questo punto, non sto dicendo che sia un completo fallimento (direi il falso, la lettura va a buon fine molto spesso e in alcuni casi anche molto rapidamente), ma talvolta preferisco inserire il codice di sblocco numerico per fare prima.

Per un lettore di impronte che vira verso un’evoluzione, un connettore cuffie fa esattamente il contrario: manca all’appello. C’è un adattatore ormai per tutto, mi sembra di ribadire quel concetto fatto proprio da Apple per dire alla clientela che “c’è un’app per tutto“. Passeremo la nostra vita ad adattare la qualunque, per accontentare un’industria che difficilmente sa mettersi d’accordo sul cosa utilizzare e quando. Xiaomi Mi 9 ha un unico attacco USB-C, servirà quindi per caricare la batteria, scambiare dati con un PC oppure ascoltare la musica (o chiacchierare con un proprio contatto) attraverso l’uso di auricolari non più tradizionali. A mio parere questo resta un punto a sfavore nonostante ciò che vuole farci pensare il mercato. Non si parla di drive ottico sui laptop, ormai scarsamente utilizzati, si parla di un paio di auricolari economici e che si possono trovare ovunque, che non potrai usare a meno di adattarli e trasformarli in USB-C.

La batteria è quella che mi sta dando forse più soddisfazioni rispetto agli ultimi smartphone messi in campo. Offre 3300mAh e sulla carta non dovrebbe essere la scelta vincente e definiva, eppure funziona molto bene e l’ottimizzazione in alcuni casi troppo violenta del software Xiaomi la preserva nel corso della giornata, permettendoti di arrivare di toccare durate anche di due giorni se non martelli il tuo smartphone con applicazioni molto esose di risorse come Facebook e affini. La batteria supporta la ricarica rapida via cavo USB-C (27W) e senza fili (20W) con protocollo QuickCharge 4.0. Il caricabatterie incluso nella confezione non è però all’altezza delle aspettative, fermandosi a 18W erogati (io l’ho lasciato praticamente in scatola).

In mano lo si tiene abbastanza tranquillamente ma con qualche difficoltà nella maneggevolezza e scivolosità da “nudo“, il consiglio è quello di utilizzare da subito la custodia gommata trasparente che troverai nella scatola di Mi 9, e di comprarne una che ti piace un po’ di più alla prima occasione utile (io l’ho già fatto, e pensa che nei primi tempi su Amazon non esistevano custodie per Mi 9!).

Software

Xiaomi Mi 9: è davvero la terra promessa? 61

Android 9 Pie, le patch a oggi sono quelle di febbraio 2019 ma è chiaro che mi aspetto un allineamento sempre molto rapido nel primo anno di vita del dispositivo (e spero in quelli futuri). La MIUI è la 10.2 Global, interfaccia grafica e launcher costruito in Xiaomi che è certamente fluido e buono come base di partenza per chi non pretende più di tanto, ma continua a essere all’opposto delle mie abitudini e della rapidità che solo Nova è in grado di darmi a oggi (ho resistito un paio di settimane, sono ora a bordo della beta di Nova, come mio solito).

Come anticipato è la MIUI a fare il lavoro sporco per ciò che riguarda ottimizzazioni della batteria e pulizia del sistema, in alcuni casi esagerando e necessitando di intervento da parte tua per rimettere a posto le cose. Mi è capitato infatti di dover modificare le impostazioni di Waze, Spotify e Android Auto. Quest’ultimo ha dato diversi problemi in vettura fino a quando non ho chiesto allo smartphone di ignorare i consumi della batteria e permettere alle applicazioni di partire da sole quando necessario.

Xiaomi Mi 9: è davvero la terra promessa? 62

Questo problema (se non hai ancora ritoccato le impostazioni batteria e avvio automatico) è il medesimo che può causare un errore simile su Android Auto quando si vuole far partire la musica direttamente dal monitor dell’automobile:

Xiaomi Mi 9: è davvero la terra promessa?

La soluzione è arrivata tramite il forum della Community, fortunatamente: en.miui.com/thread-1491073-1-1.html.

Altro grande assente è parte del comparto Google, del quale fanno certamente parte Google Smart Lock e Google AR. Il primo citato viene eseguito come modulo e funziona parzialmente, ma non sarà modificabile e richiamabile in alcun modo da parte tua (scelta che onestamente non capisco e non condivido con gli sviluppatori Xiaomi), il secondo manca completamente all’appello (vedi developers.google.com/ar/discover/supported-devices, e qui vai a capire cosa stanno aspettando considerando che nell’elenco compare il vecchio Mi 8). Non ho potuto godermi il lancio in beta chiusa delle mappe di Google (a piedi) in realtà aumentata, spero di poter sfruttare questa bellissima funzione (che nel frattempo ho testato grazie a S8) quando sarà disponibile per tutti.

Multimedia

Il comparto sul quale Xiaomi ha certamente convogliato tutte le forze del suo reparto Marketing e in parte di quello sviluppo. Fotocamera tripla Sony ultra-grandangolare da 48MP, una sporgenza abbastanza esagerata che bisogna in qualche maniera controllare solo tramite una buona custodia.

La fotocamera principale porta con sé 48MP grazie al sensore Sony IMX586 con apertura 0,8μm ƒ/1,75, il quale supporta la registrazione video in HD. La seconda fotocamera è in realtà un teleobiettivo da 12 megapixel con apertura 1,0μm ƒ/2,2 e supporto alla fotografia macro. Si conclude con l’obiettivo ultra-grandangolare da 16MP con apertura 1,0μm ƒ/2,2. Lo zoom è di tipo ottico 2x in modalità triple camera, al quale si associa lo zoom digitale 10x. La messa a fuoco è laser con rilevamento di fase e rilevamento a contrasto.

La fotocamera frontale porta con sé 20MP con apertura ƒ/2.0 da 0,9μm.

È un comparto di tutto rispetto con grandi punteggi su DxO, ma che messo in seria difficoltà ogni tanto mostra il fianco caricando un pelo troppo i colori e talvolta non ricalcando fedelmente la realtà, ma non c’è poi così tanto da lamentarsi a guardare i risultati che vado a mostrarti qui di seguito. Non ho avuto occasione di caricare alcun video, ma la registrazione è fluida e non mette il terminale in difficoltà (anche in termini di riscaldamento).

Illuminazione normale

Fotografie realizzate tra Milano e Como, con condizioni di luce normali (in alcune occasioni anche ottimali) e dei soggetti catturati con e senza zoom, con e senza grandangolare.

Scarsa illuminazione

Fotografie scattate qua e là a Milano, con condizioni di luce poco ottimali, soggetti talvolta in movimento catturati con e senza zoom, con e senza grandangolare, nella quasi totalità delle occasioni ho scelto di mettere in campo il profilo Notte offerto da Xiaomi e della sua applicazione Foto ufficiale.

Lascio trarre a te le conclusioni in merito ad ambo le situazioni.

In conclusione

Xiaomi Mi 9 è un terminale molto completo, veloce e dal prezzo indubbiamente competitivo rispetto agli altri top di gamma proposti dai maggiori protagonisti di mercato. Ha caratteristiche evidentemente da primo della classe ma in alcuni casi non si impegna esattamente come detto nella più classica delle situazioni professori-genitori. Sporadici talloni d’Achille ti fanno storcere il naso, su quelli avrei preferito maggiore attenzione.

Non pensavo, ma devo ammettere che un po’ mi manca l’impermeabilità e la spensieratezza di portare vicino all’acqua lo smartphone senza dovermene preoccupare. A questa ci aggiungerei certamente la nota storta sul sensore di luminosità così suscettibile, che viene totalmente ignorato quando si lancia un’applicazione che fa uso del lettore impronte nelle ore serali, causando l’uscita forzata dalla bassa luminosità ed eliminazione della luce blu, per permetterti la corretta lettura della tua impronta.

Tanto per non farci mancare nulla, segnalo che in un paio di casi ho dovuto riavviare Mi 9 dopo essere stato in posti dove non c’era ricezione di segnale alcuna (dei veri e propri bunker!), perché una volta uscito da lì lo smartphone non è stato più in grado di ricercare la prima antenna disponibile, condizione dalla quale non sono uscito neanche mettendolo manualmente in modalità aereo e riportandolo allo stato normale.

Trovi la scheda tecnica completa di Mi 9 sul sito web ufficiale di Xiaomi, punta il browser all’indirizzo mi.com/it/mi9/specs. Per tutto il resto dovresti già saperlo: l’area commenti è a tua disposizione, usala per chiedermi tutto quello che vuoi sapere sul prodotto 🙂

Android's Corner è il nome di una raccolta di articoli pubblicati su questi lidi che raccontano l'esperienza Android, consigli, applicazioni, novità e qualsiasi altra cosa possa ruotare intorno al mondo del sistema operativo mobile di Google e sulla quale ho avuto possibilità di mettere mano, di ritoccare, di far funzionare, una scusa come un'altra per darvi una mano e scambiare opinioni insieme :-)
× Disclaimer

Disclaimer (per un mondo più pulito)

Gli articoli che appartengono al tag "Banco Prova" o "Banco Prova Console" raccontano la mia personale esperienza con prodotti generalmente forniti da chi li realizza. In alcuni casi il prodotto descritto rimane a me, in altri viene restituito. In altri casi ancora sono io ad acquistarlo e decidere di pubblicare un articolo in seguito, solo per il piacere di farlo e di condividere con te le mie opinioni.
Ogni articolo rispetta -come sempre- i miei standard: nessuna marchetta, solo il mio parere, riporto i fatti, a prescindere dal giudizio finale.

Prodotto: acquistato di tasca mia su Amazon. Preordinato quando annunciato e arrivato con un giorno di ritardo rispetto alla promessa fatta (consegna al Day-1), e ora eccoci qui!
Condividi l'articolo con i tuoi contatti:

Se sei cliente Prime, Amazon consegna i tuoi ordini anche al sabato. Per molti di noi clienti, il sabato è off limits perché l’indirizzo principale impostato sul portale di e-commerce è quello dell’ufficio. Se l’ufficio chiude il venerdì sera, la consegna del sabato mattina (o pomeriggio) fallirà, e ti farà trovare il classico bigliettino che avvisa del passaggio e mancato recapito del pacchetto.

Amazon permette quindi di modificare le opzioni di consegna escludendo il sabato. Vai su amazon.it/a/addresses?ref_=ya_manage_address_book, modifica il tuo indirizzo principale (puoi farlo anche con qualsiasi altro indirizzo, sia chiaro) e imposta (in fondo alla pagina) di non consegnare i tuoi ordini al sabato:

Amazon: bloccare le consegne al sabato

Salva la modifica appena operata e dormi sonni tranquilli :-)

× A piccoli passi, la serie di articoli dedicata a chi muove ancora i primi passi nel mondo della tecnologia

A piccoli passi

A piccoli passi è una serie di articoli dedicata a chi non è solito districarsi tra termini tecnici e procedure troppo complesse. Righe di testo di facile comprensione corredate di immagini, semplici procedure che tutti possono imparare e mettere subito in pratica.
Eredità di un vecchio esperimento nel frattempo abbandonato e chiuso, ma con uno storico che non intendo perdere e che preferisco pubblicare nel corso del fine settimana.
Condividi l'articolo con i tuoi contatti: